Buffalo Bill e gli Indiani (Robert Altman 1976)

Pur nella versione mutilata che trenta e rotti anni fa portava Kezich a definirla un’opera ingiudicabile, questo di Altman è un gran bel film. Sarà che siamo più di bocca buona, sarà che ci manca Altman, sarà che non c’è il mare a Praga.

Buffalo Bill e gli Indiani o La Lezione di Storia di Toro Seduto aggrega molti tratti e temi del regista del Kansas. Il tono grottesco e l’atmosfera circense di MASH sono applicati alla storia dello Show di Buffalo Bill, lo spettacolo che anticipa le ossessioni e le finzioni del cinema Hollywoodiano (I Protagonisti), crea l’epopea del West, leggenda con pretese storiografiche. La prima parte del film offre uno sguardo d’insieme, quel magnifico caos che il regista ci regala con i suoi campi lunghi, con l’uso personale dell’audio (ciascuno col proprio microfono, senza differenza di distanza dei personaggi dalla macchina da presa), Altman è uno dei pochi che è più affascinato dal mondo e dalle interazioni che dai primi piani e gli sguardi intensi. Nella prima metà prevale la riflessione sul mondo dello spettacolo, si imbastisce il confronto fra Buffalo Bill (Newman) e Toro Seduto, un confronto in cui "la storia vale più della verità". Nella seconda parte ci si concentra sulla figura della Stella, Bill, che tradisce le stesse insicurezze di McCabe: ci si avvicina all’uomo, struccato e invecchiato, prigioniero di un ruolo che lo costringe a cercare conferme e prove della propria autenticità, autenticità a cui per primo sembra non credere.

(4/5)

Annunci

3 thoughts on “Buffalo Bill e gli Indiani (Robert Altman 1976)

  1. “ma certo che è interessato allo spettacolo. non sarebbe diventato Capo, se non lo fosse”.
    ecco un altro film che non invecchia.
    (The Company, che ti ha fatto? perché questo rifiuto immotivato?)

  2. vero, anche quella frase è bella.
    nessun rifiuto per the company, tempo verrà. il regista del Kansas (ma quanto sono professionale con queste perifrasi?!) si è fatto un mazzo così a sfornare un film l’anno.

  3. grande film, ricordo la scena per la foto con buffalo bill su uno sgabello per non sembrare più basso… un’inquadratura sola per distruggere un mito! solo i grandi sono capaci di cose del genere…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.