La Ragazza del Lago (Andrea Molaioli 2006), L’uomo in Più (Paolo Sorrentino 2001)

Lunedì è stata serata Servillo, a colmare un paio di lacune.

La Ragazza del Lago è un film curato, asciutto, internazionale ed italiano. Ci sono le nuove generazioni, i rapporti fra genitori e figli, le generazioni che ancora devono arrivare, le donne incinte a cui “non si vede più la pancia” e le donne che “litigano sempre di spalle”, il tutto congelato nell’atarassia della provincia. Ci sono bravi attori, dialoghi spontanei ed inquadrature larghe e geometriche. C’è però anche un commissario Servillo che non può non ricordare un commissario Montalbano; la qual cosa non è negativa di per sé, ma a prevalere è comunque il giallo, un buon giallo molto strutturato e abbastanza canonico nella presentazione dei personaggi, che come genere non è che mi abbia mai fatto impazzire, e che inevitabilmente si porta dietro molto di televisivo.

Poi c’è il Servillo cantante melodico italiano, Tony Pisapia, vicino al più volte evocato Fred Buongusto, a confrontarsi con Antonio Pisapia, ex calciatore aspirante allenatore, inventore della tattica dell’uomo in più. La visione del primo Sorrentino, colpevolmente rimandata, restituisce armonia al curriculum del regista. L’uomo in Più, infatti, è molto più vicino all’ultimo Il Divo di quanto non lo siano Le Conseguenze dell’Amore e L’amico di Famiglia, ed è forse il suo film migliore, il più sorprendente. Nato nel 1970, Sorrentino racconta gli anni ’80 in modo estremamente lucido ed originale, costruendo storie primariamente rappresentative su personaggi secondari, riassumendo lo spirito di un tempo (che mi sembra tutt’altro che tramontato, piuttosto, si ripropone in formule ancora più aggressive) nella rappresentazione delle sue sconfitte.

I due Pisapia incarnano personalità specularmente opposte (laido ed esibizionista Tony, timido ed ingenuo Antonio), parallelamente prigioniere, che in qualche modo percorrono tappe simili e maturano simili conclusioni. La regia di Servillo è qui spudorata come tornerà ad essere con Il Divo, guidata da lunghi piani sequenza, evoluzioni di gru, campi lunghi, ritmata dalla colonna sonora altrettanto evidente ed efficace, capace di far percepire come sublime persino una canzone degli Air, la strumentale Ce Matin Là dalla pallosissima pietra miliare Moon Safari.

La Ragazza del Lago: 2,5/5

L’uomo in Più: 4/5

Annunci

14 thoughts on “La Ragazza del Lago (Andrea Molaioli 2006), L’uomo in Più (Paolo Sorrentino 2001)

  1. Sul primo concordo in pieno, in realtà anche sul secondo solo che secondo me Le conseguenze dell’amore e Il divo sono davvero irraggiungibili.

  2. Uelà Iosif,
    un vento positivo fa sì che mi ritrovi sempre più spesso sui tuoi giudizi, che bello! Non ho amato l’ultimo Nolan (eh no, non era AFFATTO un capolavoro), a suo tempo mi piaciucchiò L’uomo in più, ho detestato Le conseguenze dell’amore (nonostante i Lali Puna della colonna sonora, di cui il film era mero videoclip) e ho apprezzato il Divo. Ieri ho visto anche io La ragazza del lago (ma che, vi siete messi sky anche voi?) e sebbene sia ben fatto mi ha lasciato un po’ freddina… decisamente, per noi che non siamo andati neppure a venezia, urge la ripresa della stagione in sala.
    P.S ti segnalo fast food nation, poi magari ne parliamo, tchuss
    nabla

  3. L’uomo in più è un bel dilemma, dovrei rivederlo… lo vidi a venezia sette anni fa (?) e tra i mille film e la stanchezza ricordo un abbiocco… perciò me tocca rivederlo!
    los otros:
    “conseguenze” molto bello;
    “divo” strepitoso;
    “l’amico di famiglia” invece terribile

  4. ciao nabla di ritorno dall’europa. uno scalo qui potevate farlo.
    ma perché, quand’è che siamo stati in disaccordo sui film? (non mi va di cercare il faccino “sorriso sardonico”, fa’ come se).
    niente sky, è stata una coincidenza. dvd a precedere l’uomo in più su iris, che, per la cornaca, sta facendo cose interessanti.
    in sala? di potabile ci sarebbe giusto il panda obeso, ma non mi sono ancora deciso a dargli dei soldi. dico per lui: credo che se li spenderebbe tutti in colesterolo.
    fast food nation ce l’ho già. a questo punto me lo vedo pure.

    ciao claudio. le conseguenze e l’amico di famiglia avevano fatto di me un non fan di sorrentino, ma il primo e l’ultimo m’hanno fatto ricredere. il barocco gli dona.

  5. Grande l’uomo in più, poi quello di servillo è un personaggione. Per La ragazza del lago mi ricordo qualcosa di molto bello (come le dissolvenze quando ritrovano il cadavere) e qualcosa di motlo brutto (la recitazione e il taglio televisivo di molte sequenze)…

  6. la ragazzo del lago…mha….non mi ha esaltato.
    Adoro sorrentino, lo trovo geniale.e adoro Servillo.l’ho amato da morire a teatro…e continuo a farlo al cinema anche se…con un po di malinconia per qualcosa di passato che in pellicola non può riportare.

    l’uomo in più meraviglioso.

    ciao iosif, carino qua.

    K.

  7. ciao edo. sono sostanzialmente d’accordo.

    benvenuto kiut, grazie. mai visto servillo a teatro, purtroppo.

  8. dissento sul primo film, assolutamente sopravalutato dalla critica e inspiegabilmente pluripremiato…. arriva, secondo me, a 1/5…

  9. ciao matto. 1/5, che è il minimo, credo di averlo dato solo a cous cous, colpevole di avermi arrecato devastanti danni fisici. alla fine de la ragazza del lago, twin peaks nostrano, ero ancora tutto intero, quindi merita la sufficienza.

  10. Condivido…condivido……..ed in "pieno accordo" con te, mi congedo dopo questa mia"oretta" in giro per tuoi "scritti e commenti"….(spero di non averti dato noia riempiendo anche di piccolicommenti ad ogni "clic"…..piu' o meno…..ma…magari ragionandomale….A ME FA PIACERE, QUANDO QUALCUNO LASCIA TRACCIADEL SUO PASSAGGIO….in caso contrario…..DILLO PURE….)Stavolta, invece di addentrarmi tra le novità ho volutovedere quali sono le nostre "convergenze" su quelloche ho già visto….Scoprire come la pensi, conoscendo "il mio pensiero in proposito"!!! (….)…MA….ti sei accorto in questa recensione che hai scritto"regia di Servillo" e non di Sorrentino….??…Lapsus?……FRANCO 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...