Solaris (Steven Soderbergh 2002)

Questo Solaris non è poi così uno schifo come lo si dipinse. Soderbergh compie un’operazione tutto sommato coraggiosa, essendo il suo film rivolto al grande pubblico, e non alla minoranza appassionata a cui si riferiva Tarkovskij. Non ho ancora letto il libro di Lem, quindi non so quanto il Solaris del 2002 sia una trasposizione di quelle pagine o un remake del capolavoro del 1971. Quel che so è che Stanislaw Lem rimase deluso dall’opera di Tarkovskij e quella di Soderbergh lo portò alla depressione; magari ci tornerò a libro finito e a Tarkovskij rivisto.

Soderbergh mantiene l’impianto speculativo ed i tempi lenti dell’originale, scegliendo di rimanere effettivamente distante dai ritmi spettacolari hollywoodiani. Quel che fa per andare incontro al suo pubblico è ridurre la durata alla metà (98 minuti vs 165, anche se sospetto che Steven abbia visto la versione da 115, dove manca tutta la prima parte, bellissima, sulla Terra), infilarci un paio di volte George Clooney col culo da fuori e rendere centrale la storia d’amore, con numerosi flashback sul Pianeta azzurro.

Come inevitabile citazione dell’originale, piove ovunque sia possibile, e la pioggia perde il suo significato diventando, appunto, puro omaggio. Per il resto Soderbergh si lascia andare ad una composizione di diversi stili estetici che prevedano la contemplazione sci-filosofic. Nelle scene sulla Terra ricorda gli ambienti e le luci di Codice 46, fanta-lounge mutuata da Blade Runner che si spinge ad ipotizzare i cataloghi Ikea del 2029. Con le navicelle fluttuanti nello spazio e nelle inquadrature delle parti più tecnologiche delle stesse,  geometrie ed aspirazioni sono Kubrickiane, mentre negli interni con sedie e tavolini molto poco spaziali, dove si svolgono lunghe discussioni, si torna a Tarkovskij.

Il soggetto del film, pur accentuando il lato mistico, conserva il suo fascino, e si industria a ricercare un  paio di colpi di scena più dinamici.

Al momento questo, il resto quando avrò completato il quadro.

(3/5)

Annunci

6 thoughts on “Solaris (Steven Soderbergh 2002)

  1. Rispetto al libro di Lem, il film punta molto di più sulla storia d’amore…e poi secondo me Soderbergh ha fatto più un operazione commerciale che altro. Personalmente, lo considero un regista dotato di buoni colpi (il suo stile particolare anche nell’uso del montaggio ha comunque influenzato numerosi registi negli ultimi anni, creando quasi una “scuola soderbergh”) e che ha fatto alcuni ottimi film (Traffic, Erin Brokovich ma anche il primo Ocean’s Eleven) ma complessivamente un pò sopravvalutato secondo me..

  2. non vado pazzo per soderbergh, anzi. gli ocean’s li trovo tutti molto noiosi, non male traffic, la cosa migliore che ho visto fatta da lui è bubble. a breve il che.

  3. Sono piacevolmente d’accordo, si tratta davvero di un film da rivalutare.
    Non è Tarkovskij ma rimane comunque un’opera diversa, più semplice, ma assolutamente dignitosa.
    Soderbergh è un regista altalenante nei risultati ma uno dei pochi americani che cerca di mettere sempre idee nuove (o controtendenza) nelle sue opere.
    Non è poco davvero.

  4. All’epoca non andai a vederlo. Pensai che non poteva competere minimamente con il capolavoro di Tarkovskij. Ma non fu una buona giustificazione. Devo recuperarlo.

  5. cinepillole: massì, salviamolo questo solaris.
    temo il regista abbia fatto peggio con il Che.

    cinemasema: anche io, all’epoca, lo evitai per la stessa ragione. ed in effetti soderbergh non può competere con tarkovskij. ma preso da solo, e tenendo conto che è un’operazione differente, questo solaris è interessante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.