en attendant: The Limits of Control; Jim Jarmusch

Bill Murray, Tilda Swinton, Isaach de Bankolé nero incazzato protagonista, fotografia di Cristopher Doyle. Devono solo farcelo vedere, tutto il resto sembra  a posto.

Annunci

10 thoughts on “en attendant: The Limits of Control; Jim Jarmusch

  1. ciao verdoux. ho letto qualcosa e pare che sia un film superbo. proprio nel senso di superbia nei confronti degli dei; un jarmusch ripieno di jarmusch, freddo, muto e pretenzioso. non vedo l’ora!

  2. ciao pick. circola un 22 maggio, ma è una data di cui non ho trovato nessuna conferma ufficiale.

  3. Caro Giuseppe,
    perdona l’intrusione, non essendo abile nella critica cinematografica, ma un semplice spettatore che prende la parola in questo contesto che hai creato, e che ravviva il mio animo con continuità, vivacità e profondo interesse ogni settimana, anche qui dal Libano. Ma è proprio dal Libano che devo trasmettere la ferale notizia: Venerdì scorso ho avuto la possibilità di vedere il film di Jarmusch qui a Beirut, nell’ambito del 9 Beirut International Film Festival. Ne parlo per solleticare la attenzione tua e di tutti gli altri lettori di questo splendido spazio. La rassegna è stata aperta il 7 Ottobre da F.F.Coppola che ha presentanto di persona il suo ultimo lavoro (la partecipazione a conferenza stampa e visione del film era su inviti, dei quali non me n’è arrivato nessuno!) e si chiuderà il 14 con le ultime pellicole di T.Kitano "Akiresu to Kame" e Ang Lee "Taking Woodstock", che spero di riuscire a vedere. Aggiungo il link della Rassegna http://www.beirutfilmfoundation.org/Mef09/index.html
    . Sebbene non credo di essere abbastanza capace nello scrivere un commento e per quanto, visto che se ne attende per l’autunno la proiezione in italia, non so quanto possa essere utile e/o adeguato presentarne uno riguardo il film di Jarmusch, vado avanti dicendo che l’ho trovato bellissimo, nella sua freddezza, nel suo distacco totale, nella sua plasticità ed artificiosità legata soprattutto ai particolari, alle manie ai modi di vestire, di camminare, di parlare dei personaggi, all’assurdità immotivata dei discorsi, nella sua ripetitività quasi ossessiva, nella sua costruzione attenta a dettagli infinitesimali eccezionalmente curati in una complessiva mancanza di senso assoluto delle azioni di tutti i figuranti e dell’intero svolgersi del film, non c’è una trama, non si sanno i motivi, le ragioni, gli obiettivi, chi è buono, chi è cattivo, chi ha un tornaconto personale e chi ne ha uno assoluto, ma è lieve il lasciarsi accompagnare dall’assenza della trama nel susseguirsi di piccoli rituali, di riferimenti concreti ed astratti ad altri dettagli che nell’insieme non portano a nessuna struttura complessiva. Il tutto si muove su di un viaggio tra Francia e Spagna con un’occhio raffinato, manierista e assolutamente disinteressato a temi di promozione turistica (sebbene senza alcun senso come riferimento, l’Allen di Vicky Cristina Barcelona mi ritornava in mente come una zuppa di cipolle in gola), spezzoni girati in treno con banali giochi di luce elegantemente inseriti su fondali (non so se reali o aggiunti successivamente) di una suggestione disumana, tra pale eoliche imperiose e impressionanti come molossi, e scorci d’entroterra spagnolo completamente brulli e deserti, ideali per la freddezza e l’incomprensibilità dei personaggi che non hanno nessuna pretesa nè voglia di trasmettere a te spettatore chi sono, cosa ci fanno lì, e perchè.
    Non per cattiveria, e non so neanche se la cosa, messa così, possa risultare attraente, ma sono sicuro che valga la pena vederlo appena possibile, e non vedo l’ora di poter godere delle parole tue e dei visitatori di questo piccolo regno. Intanto suggerisco una considerazione in cui mi sento più a mio agio, almeno come tema generale: il fatto che qui a Beirut siano arrivati già questi film (date un’occhiata al programma e alla lista di film selezionati), in un paese considerato (e questa considerazione, a me che ci sto da ormai quasi un anno, mi lascia molto di più di una perplessità) in via di sviluppo e pieno zeppo solo di terroristi islamici barbuti, mentre in Italia bisogna ancora attendere…
    Saluti e scusate la lunghezza eccessiva
    Pa

  4. caro paolone, in realtà quando il primo sguardo ha stralciato "notizia ferale", "film di Jarmusch" e "Vicky Cristina Barcellona", ho pensato, occazzo, allora jarmusch ha toppato davvero.
    invece la tua anteprima mi rincuora assai, perché le reazioni freddine sono la maggioranza, e il tuo bello scritto mi indica che fortunatamente si tratta solo della cecità che normalmente opprime il mondo. tu dici che qui in italia arriverà in autunno, ma credo che stia esercitando troppo il tuo ottimismo in via di sviluppo, perché, almeno da imdb, nessuna programmazione è pervenuta. ho il sospetto che farò prima a vederlo con l’uscita del dvd estero, com’è stato con kitano.
    visto che il tuo scritto è già pubblico e già qui, mi sono permesso, senza manco chiederti se sì o se no, di dargli un po’ più di rilevanza, con un post dedicato all’anteprima.
    bacioni, paolo, e speriamo di poterlo presto (ri)vedere assieme, questo sfuggente jarmusch.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.