Andiamo per disordine.

Pale Cocoon (Yasuhiro Yoshiura 2006) è un cartone di soli 22 minuti, praticamente una puntata unica, interamente realizzata da Yoshiura Yasuhiro. La maggior parte dei cartoni orientali ha dei presupposti profondamente pessimisti: di solito si tratta di personaggi giovani alle prese con un mondo da rifare; il nostro tempo, quindi, è quello della distruzione. I protagonisti di Pale Cocoon, che esplora un futuro piuttosto remoto, vivono in un freddo archivio digitale e tentano il recupero della memoria, attraverso antiche testimonianze analogiche. La catastrofe c’è stata, quel che c’era prima è in buona parte dimenticato, così come le vicende che hanno costretto all’abbandono della Terra. Anche se, come ho detto, il film è frutto del lavoro di una sola persona, l’animazione è molto accurata ed efficace, e rende interessante il breve intreccio ricco di dettagli. (3,5/5)

Viene invece da una grossa produzione l’animazione di Wonderful Days (Kim Moon-saeng 2003), la più grande che abbia affrontato la Corea del Sud. Anche questo un film post distruzione, in una terra divisa fra i due popoli di Ecoban e di Marr, rispettivamente patrizi e plebei. A stroncare il Globo è stato l’inquinamento, e ora il cielo è offuscato da nubi perenni, mentre gli scontri fra le parti si intensificano. Wonderful Days ha poco in comune con l’altrettanto coreano, ma più povero ed originale, My Beautiful Girl, Mari; ricorda tante altre produzioni giapponesi e qualche blade runner occidentale. Visivamente c’è uno scarto fra i notevoli sfondi in 3d ed i personaggi bidimensionali che non sempre si amalgamano e mostrano dei tratti variabili, probabilmente per le molte matite al lavoro: a volte molto semplici a banali, altre più spigolosi ed espressivi, alla Peter Chung. Una storia non originalissima ma efficace, fra lotta armata e sentimentalismo, che si esalta in alcune parti oniriche davvero ben fatte. (3,5/5)

Departures (Yojiro Takita 2008) è il film giapponese che ha vinto l’ultimo oscar per il miglior film straniero. Un giovane violoncellista, fresco disoccupato, torna in periferia e finisce per caso a lavorare con un uomo che si occupa del nokanshi, il rito della deposizione che prevede la preparazione delle salme prima della cremazione. Fra eleganti gesti cerimoniali, riavvicinamenti sentimentali e delicata ironia, si trovano riconciliazioni con le persone perdute, realizzazioni sentimentali e personali. Il film offre tutto quel che anche il grande pubblico ha imparato ad aspettarsi da una pellicola giapponese, simbolismi, silenzi e fotografia curata: un’opera non particolarmente originale, ma bella. (3,5/5)

Revolver (Guy Ritchie 2005) comincia come un qualsiasi film di Ritchie che non preveda naufragi su isole deserte: soldi da dare o da prendere, strozzini e incroci di bande criminali, con un ritmo meno efficace di un Lock & Stock o RockNRolla. Poi il piano cambia, la realtà si fa incerta, e diventa il film più complesso, e confuso, del regista. Ha quindi un suo fascino particolare, un tono più cupo, e il sirtaki stavolta finisce in un vicolo cieco. (3,5/5)

La biografia di Lenny Bruce inscenata da Bob Fosse si gioca su un bel bianco e nero e un ottimo Dustin Hoffman. La “coscienza d’America” raccontata in modo completo ed efficace, ma anche coinvolgentemente triste, coi lunghi monologhi spezzati e supportati da un montaggio molto fluido di tempi diversi, e dallo sguardo di Fosse, capace di valorizzare il palco con fotografiche inquadrature fisse e i personaggi con empatici primi piani. Bello. (4/5)

Annunci

6 thoughts on “Andiamo per disordine.

  1. riguardo Pale Cocoon, ne avevo già sentito parlare e penso che sia un buon “anime”, quindi lo cerco e lo vedo.

    ciao ciao!!!

    Vision

  2. vision, mentre cercavo su google informazioni su pale cocoon, ho visto che si trova anche in streaming con sottotitoli in italiano. non so darti il link preciso, ma dovresti trovarlo senza troppe difficoltà.

  3. Di questa lista ho visto solo “Lenny”, che è un capolavoro. Eh si è vero, Dustin Hoffman è straordinario.

  4. ciao! ha aperto i battenti il nuovo portale di cinema direttamente dagli studios di Cinecittà. News, recensioni, anteprime, foto, video e tanto altro ancora; e se vuoi collaborare con noi scrivendo recensioni scrivici @

    dnacinema@yahoo.it

    http://dnacinema.blogspot.com/

    P.S. Complimenti per il blog, ottimo lavoro! A presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.