Tokyo! (Michel Gondry, Leos Carax, Bong Joon-ho 2008)

Il tema dei tre mediometraggi che costituiscono Tokyo! È il rapporto dell’individuo col mondo, e in particolare con gli altri esseri umani. In tre registri differenti fra loro quanto lo sono i tre autori, si mette in scena il momento massimo di tensione del protagonista, costretto a fare i conti con le proprie debolezze (qui piuttosto patologiche) e a cambiare il proprio modo di relazionarsi con l’esterno. Il primo episodio è di Gondry. Io non amo Gondry, trovo che il suo sia cinema intellettualistico che diffonde la sua ragionata fantasia attraverso un meccanismo ricattatorio: ma guarda che matto che sono, guarda che tinte pastello e che sogni fanciulleschi; se non ti piaccio solo perché il mio immaginario è futilmente Tokyo Gondrycerebrale e quando voglio far ridere non ci riesco, il tuo cuore è arido come una zolla di deserto. Interior Design si inserisce bene nell’atmosfera nipponica, segue la vita squattrinata di un aspirante regista (non male il suo film nel film, con visione tossica) e della sua compagna, per poi lasciarsi andare all’immaginario di cui sopra, aprendo ad una metamorfosi gondryana che indaga i compromessi che la ragazza è disposta a sopportare per sentirsi utile e accettata. Una sterzata violenta, che avrebbe meritato un’idea meno gongolante.

Tokyo CaraxLeos Carax con Merde! firma l’episodio più volutamente sgradevole, forse il più riuscito. Inventa un sociopatico partorito dalle fogne che semina panico e distruzione per le vie di Tokyo. Merde è anche il nome con cui l’uomo si fa vezzosamente chiamare, e il suo distacco disumano è accentuato da particolari disgustosi (unghie lunghe e ricurve, occhi lattiginosi) e dall’uso di una lingua verbale e gestuale non più gradevole o raffinata. L’apporto di Carax al progetto è assurdo e disturbante fin dal principio, supportato da scelte visive e narrative piuttosto radicali, ed è l’unico del trittico che di certo non cerca la poesia.

Tokyo BongShaking Tokyo, ultimo segmento ad opera di Bong Joon-ho, segue le vicende di un hikikomori. Si tratta di persone che si rinchiudono in casa, di solito per dedicarsi completamente alla loro vita virtuale, costruita in rete o sui videogame. Il protagonista di Shaking Tokyo è più radicale, non cerca alcun contatto con l’esterno, neanche mediato, e la sua occupazione principale sta nella percezione dello scorrere del tempo. Su questo tema, non manca qualche bel dettaglio ossessivo: spostamenti minimi degli oggetti e della luce del sole, le settimane scandite da ordinate pile di cartoni per la pizza, altro. Anche per l’hikikomori arriva il momento dell’azione, la fine delle certezze e il cambiamento.  Più minimale, geometrica e sospesa, la prova coreana è quella che gioca su solitudini più solite e immagini più familiarmente alienate, ed ha quindi gioco facile nel venire incontro alle aspettative.

La media lunghezza si conferma un formato difficile da gestire. Nel trittico, tutti gli episodi riescono a costruire idee ed immagini singolarmente interessanti, ma presentano anche una certa enfasi (ciascuno la sua) e un’indulgenza verso le proprie formule espressive, come se ogni autore si fosse preoccupato prima di tutto di rendersi marchio riconoscibile.

(3/5)
 

Annunci

12 thoughts on “Tokyo! (Michel Gondry, Leos Carax, Bong Joon-ho 2008)

  1. questo lo voglio vedere al piu’ presto… ho gia’ letto altre recensioni, e mi sembra che meriti visione… dei registi, l’unico che conosco un pochettino e’ Gondry, che ha diretto alcuni videoclip per Bjork (se non sbaglio)…

    Vision

  2. ciao vision. il film ha i suoi motivi di interesse. l’ho visto un paio di settimane fa, sul momento m’era piaciuto davvero poco, ma ripensandoci qualcosa l’ha lasciata.
    bong joon-ho è il regista di the host, ottimo film con mostro.

  3.  ahaha, buffa la visione che hai di Gondry. mi hai chiarito un po’ le idee.
    personalmente, a me piace, ma in ogni suo film c’è qualcosa che mi fa storcere un po’ il naso, e credo sia proprio quello che dici te.

    :)

    mei

  4. si può vedere di molto peggio, in realtà. questo, tutto sommato, riesce ad essere un film bizzarro.

  5. Vorrei tanto rispodere a questa feroce critica su Gondry, il punto di vista di questo regista e' quello di un maestro, e per punto di vista mi riferisco sia nel suo gusto dell'inquadratura  la fluidita'  delle panoramiche e dei movimenti di macchina, i personaggi sono sempre ben definiti  e mai niente e' lasciato al caso, qualunque altro difetto potrai o potrete trovare sulla storia e' inutile, NON SI PUO' PRETENDERE  DI CAPIRE L'ARTE , PERCHE'  ESSA E' LA RAPPRESENTAZIONE DELLA VITA E POICHE' LA VITA E' ICOMPRESIBILE LO DEVE ESSERE ANCHE L'ARTE, non bisogna  pensare che un regista come qualunque altro artista  lavori per il publico, lui lavora per se stesso il publico serve solo per pagare le spese.
     
    luluk1@msn.com

  6. ciao luluk1, benvenuto. proprio perché incomprensibile, e indefinibile, l'arte come la vita è definita dall'occhio esterno. gondry ha sicuramente i suoi estimatori, altri occhi esterni più affini e sentitamente partecipi, personalmente preferisco altre forme d'arte.

  7. Pingback: Holy Motors (Leos Carax 2012) | SlowFilm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.