La Bocca del Lupo (Pietro Marcello 2009)

La-bocca-del-lupoSuccede spesso che le storie più reali, a contatto con l’uomo e con la terra, col mare e con la strada, siano quelle che più chiamano alla sperimentazione, visiva e narrativa. In questo modo si riconosce che la vita di ogni uomo, e al tempo stesso il sudore o la sofferenza di un popolo o di una classe, per essere raccontati hanno bisogno di vera passione, e della capacità del cinema di farsi linguaggio complesso, per raccontare tutto quel che c’è dietro un volto o un paesaggio (post)industriale.
 
La Bocca del Lupo (miglior film al Torino Film Festival) parla attraverso i filmati della Genova del ‘900, dove si ritrovano scene di lavoro operaio che ricordano la frenesia di Vertov, e anche di vita rurale, cittadina, e naturalmente tuffi nelle acque livide del mare. Il regista Pietro Marcello riesce ad integrare le immagini con le sue riprese originali, montando la pellicola rovinata e sovraesposta accanto agli arancioni di un tramonto, o il grigio di grossi massi accostato ai colori spenti di alcuni scorci genovesi. 
 
la bocca del lupoLa Bocca del Lupo parla ricostruendo la storia di Enzo, siciliano emigrato a Genova da piccolo, col padre venditore di accendini e di sigarette di contrabbando. Gran parte della storia che si vede nei filmati di repertorio, Enzo l’ha vissuta in carcere, divenendo estraneo ad un mondo che si evolve durante le sue assenze. In prigione ha conosciuto Mary, un transessuale, e nella loro eccezionalità non desiderano altro che la realizzazione di una vecchiaia tranquilla e “banale”.
 
La Bocca del Lupo parla con i versi di una voce narrante, con le voci rovinate e piene di dignità di Enzo e Mary, e con i silenzi, che contribuiscono alla realizzazione di un’atmosfera sospesa, spesso eterea rispetto alla concretezza e la durezza di quel che il film mostra e racconta.
 
È difficile rendere, con le parole, come sia un film diverso da quanto poche righe di sinossi possano lasciar credere: un film assolutamente e a volte ostentatamente artefatto (fino a sentire il bisogno, in una scena, d’uscire dalla finzione, scoprendola e accentuandola), che costruisce attentamente immagini, ma cerca anche manie ed espressioni spontanee, raggiungendo una sincerità che, però, non è mai improvvisazione o pura testimonianza, quanto costruzione di un documento sul tempo, sugli emarginati, sulla sofferenza e la speranza, e, finalmente, sulla storia con la esse minuscola.

(4/5)

 
Annunci

14 thoughts on “La Bocca del Lupo (Pietro Marcello 2009)

  1. Una storia di "vinti" fatta davvero bene… Particolari le atmosfere…

  2. ciao!pensavo di essermi imbattuta in una tua lettura della bestia di walerian borowczyk, qualche giorno fa, possibile?cmq, bel blog, bravo…

  3. Dopo averlo visto, qualche tempo fa,nemmeno un settimana dopo andai a vedereun "cineforum" alla Scuola Galilei, qui a Roma,dove davano l'opera prima di Marcello "IL PASSAGGIO DELLA LINEA"….Interessante……..e soprattutto bella persona Pietro Marcello (che era presente in sala…sala?……una specie di centro sociale frequentato in maniera parecchioeterogenea……pensa che accanto ma me c'era Roberto Nobile, il "Parmesan" di Distretto di Polizia, alla fila dietro Mimmo Caloprestie poi tutto un brulicare di ragazzi e ragazze e gente di ogni età…………………ed una signora nata a Genova, precisamente dalleparti di Via del Campo, che a proposito de "La bocca del Lupo"ed i comprimari che affollano la storia ci ha dato non pochiimportanti dettagli in aggiunta….Come "sentono, comunicano, giudicano, vivono" gli abitantile varie "storie e situazioni"….FRANCO

  4. ho visto marcello in qualche intervista e anche a me è sembrato una persona più che sensata. d'altronde, la bocca del lupo è un film di una maturità eccezionale. farò in modo di vedere anche il passaggio della linea.

  5. ho conosciuto pietro marcello e mi ha raccontato diverse cose interessanti. che il 'suo' film è il passaggio della linea e che vorrebbe tornare sul girato per farne una cosa di 4 o 5 ore almeno – i 57' gli furono ovviamente imposti. che odia la scena del bar perchè lì fanno tutti i buffoni e mentono, mentre la cosa che gli piace della bocca del lupo sono le scene a quarto. che il suo preferito è sokurov. che lui voleva fare l'acquerellista. gli aneddoti sui protagonisti te li racconto da vicino. grandi cose entrambi i film, comunque.
    ob

  6. il passaggio della linea ancora non l'ho visto, ma ce l'ho. la bocca del lupo sta diventando sempre più un caso ed è bello che sia così. 
    a presto, doc.

  7. La più bella sorpresa di fine anno (quando sono riuscito a recuperarlo).
    Nonché la "storia d'amore" più bella del 2010, probabilmente.
    Tu ne hai scritto parole buone e giuste.
    (buon anno)

  8. ciao michele, la bocca del lupo è stato una bellissima sorpresa anche per me. 
    (grazie e che l'anno ti sia ottimo).

  9. Pingback: Minima Immoralia: Le Meraviglie (Alice Rohrwacher 2014), Apes Revolution (Matt Reeves 2014), Predestination ( Michael e Peter Spierig 2014) | SlowFilm

  10. Pingback: Bella e Perduta (Pietro Marcello 2015). Il cinema ritrova il suo legame con l’intimità delle cose | SlowFilm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.