Splice (Vincenzo Natali 2009); Transformers – La vendetta del caduto (Michael Bay 2009)

splice nataliFilm da treno: Bologna Napoli.

Immagini di Splice circolavano da parecchio, e sembravano lasciar intendere un salto di qualità di Natali. Il canadese si conferma, invece, un regista di b-movie. Nel migliore dei casi buoni b-movie, ma Splice non rientra nel dominio dei casi migliori. Natali non trova quell’originalità che, seppure spesso grossolana, era stata sempre presente nei suoi lavori precedenti. La storia è quella standard dell’esperimento scientifico di cui si perde il controllo e racconta della chimera Dren che attraversa vari stadi e diverse sembianze fisiche e viene adottata dai suoi creatori. La prima parte del film punta tutto su creature glabre e piuttosto disgustose all’interno dell’ambiente asettico dei laboratori; la puzza di bruciato si comincia a sentire quasi subito, ma si tratta sicuramente del segmento più riuscito. Successivamente, per meglio tuffarsi in parapsicologismi e ambienti da horroraccio stanco, ci si trasferisce in una casabbandonatimmezzalbosco dove tutto quel che deve precipitare precipita, senza i freni del buon gusto né tantomeno quelli del buon senso.

Transformers IIFilm da treno: Napoli Bologna.

Non mi stupisce tanto la noia intrinseca a Transformers II, quanto le differenze, a sfavore di questo, che in genere sono state rilevate rispetto al primo episodio. Era il nulla, rimane il nulla. Questo nulla qui è più recente, quindi lo ricordo meglio: c’è anche Turturro, ogni tanto c’è qualche battutina, c’è Megan Fox che prepara un paio di mesi del prossimo calendario, ci sono attori che mostrano stupore davanti le gesta di robottoni per loro invisibili, ma sono aiutati dal tenore un po’ cazzone del film che consente di essere neanche troppo spaventati. Poi ci sono un sacco di cosi di ferro che si picchiano e si accostano alla perfezione ai paesaggi dell’alto Lazio e della Toscana, come potete scoprire dirigendo lo sguardo verso il finestrino.

Splice: 2,5/5

Transformers – La vendetta del caduto: 2/5

Annunci

3 thoughts on “Splice (Vincenzo Natali 2009); Transformers – La vendetta del caduto (Michael Bay 2009)

  1. Caro Giuseppe,insisto sul fatto che a volte "te la cerchi con il lanternino"…….Di alcune pellicole, obiettivamente, spesso bastanopoche immagini da un trailer o una occhiata veloceal titolo di un qualche giornalista al quale concedereun minimo di fiducia per far si di potersele evitare….Poi tu mi ripeterai che "……eh…….ma bisogna vederlo"…ecc.ecc…"D'accordo…..ma andando oltre qui le cose son due……..o tu riesci a ritagliarti un tempo davvero considerevoledove ficcare dentro "'sta roba"(perchè io, ad esempio, se ho due ore libere a "scopo cinema"  cerco magari di infilarci un muto degli anni '30, un classico dei '60,     un film recente che ho perduto, un "inedito" clandestino di autori       sconosciuti e fuori circuito ma degni di nota…..un documentario….      ……….un consiglio preso a prestito dal sito "SlowFilm"           è un buon blog di cinema, sai….te lo consiglio…dacci                 un'occhiata!!!!…)oppure……la seconda ipotesi………hai un masochismo molto, ma parecchio davvero piu' pronunciato del mio!!!!………….TRANSFORMERS……Ragazzo mio……ma nemmenose mi legano come Alex in "ARANCIA(ta) MECCANICA"!!!…..FRANCOp.s…….Aspetto con ansia la recensione dei "Mercenari" con              l'immarcescibile "Sly"Stallone…… 

  2. Che meraviglia!!!!….Giuro che "prima" non l'avevo vista……….che c'era pure questa "recensione"…….GRANDE "IOSIF" !!!!!!!!!!!!!!!!………………Comunque, se tu quando scrivi (e vedi….)  ridi come "me quando ti leggo",comincio a comprendere meglio il perchè delle tue"allucinanti proiezioni"…..FRANCO

  3. no, io non sono mai stato un fautore del "bisogna vederlo", come neanche dei "bisogna leggerlo" o "bisogna ascoltarlo" dietro cui ci si trincera per fruire delle stronzate. ognuno di noi ha inevitabilmente tante di quelle lacune che chi sceglie di cominciare a colmarle da twilight o melissa p. suscita in me più di un dubbio circa la sua onestà intellettuale. in maniera credo più sincera, sono fermamente convinto che si possa e si debba avere saltuariamente voglia di stronzate. è sano.nel caso specifico poi, mettere un bel "muto degli anni '30" da vedere in treno sul portatile, mi avrebbe indotto a preoccuparmi oltre che del mio stato mentale anche della mia incolumità fisica, probabilmente minacciata da passeggeri sbigottiti del napoli-milano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.