Cattivissimo Me (Pierre Coffin, Chris Renaud, Sergio Pablos 2010)

cattivissimo meCi ha messo del suo anche Max Giusti, che fa venire voglia di strapparsi via le orecchie, ma le falle di Cattivissimo Me di certo non sono solo nella versione italiana e sono piuttosto sostanziali. A parte qualche sorriso provocato dai Minion, popolo schiavo frutto dello scellerato accoppiamento fra un Umpa Lumpa e un guscio delle sorprese degli ovetti Kinder,  di valido rimane una manciata di secondi già visti nei trailer. La storia di Gru, cattivo per professione in cerca di riconoscimento sociale costretto ad accogliere tre orfanelle per mettere in atto il suo piano, è molliccia già quando il protagonista fa il cattivo, diventa pappettosa anche oltre i canoni Disney quando si converte, e lo dico per mettere in guardia i bambini in lettura vanamente in cerca di emozioni forti, in un tenero coniglietto senza palle. 
 
Quest’animazione della Universal, la prima della neonata divisione Illumination Entertainment, è tecnicamente valida ma al momento non è né carne né pesce. Sarà che tre registi e tre soggettisti/sceneggiatori (Ken Daurio, Sergio Pablos, Cinco Paul) sono forse troppi per riuscire a fare qualcosa che abbia un’identità e un’idea forte. 
 
Il film, come traspare dalla mia arguta disanima, ha incassato da far schifo, miliardi su miliardi nelle valute più pregiate del mondo, e a confermare l’impostazione aggressiva e innovativa la neonata factory d’animazione sta già preparando Despicable Me 2.

(2,5/5)

Annunci

7 thoughts on “Cattivissimo Me (Pierre Coffin, Chris Renaud, Sergio Pablos 2010)

  1. Io ho lottato col sonno a metà della proiezione. Non credo deponga a favore del film. E Giusti è meglio che torni alle imitazioni.

  2. Per rifarti dalla noia prova a farti "un giro" dalle parti
    di Mario Martone….

    Non capita spesso che "passi" un film così bello ed importante….

    Se poi dovesse andarti buca anche con quello,
    ah beh, allora non rimane che una bella barzelletta del
    "cavaliere"………quelle son buone per tutte le stagioni
    e fanno sempre effetto….

    Anche se a pensarci bene, mi domandavo….

    …..Ma perchè noialtri di tanto in tanto perdiamo tempo
    andando al cinema anzichè impiegarlo per corteggiare
    "belle ragazze"???…

    FRANCO

  3. nood, in verità m'spettavo molto di più, anche per quel che ne ho letto. la maggior parte di recensioni entusiastiche, a glorificare delle invenzioni che non ci sono…

    franco, martone lo vedrei volentieri, ma non so se riesco ad andare al cinema.
    e hai ragione, l'uomo dev'essere uomo. che si vada a toccar culi, invece di perdere tempo!

  4. Posto che i minion mi stanno sui coglioni e che la deriva stucchevole e buonista che prende dopo il film l'ho poco digerita, a me Gru cattivo mi è piaciuto un botto.

  5. Io non riesco più a guardarli, questi cartoni animati dalle morali stucchevoli. Alla fine, per quanto abbia gradito l'inizio, ho detestato anche Up. Sono tutti uguali e puzzano di multisala e popcorn.

    mei

  6. in fondo hai ragione, però credo sia più salutare distinguere quel che un film riesce a fare nonostante non voglia (o più spesso non possa) esimersi dalla dimensione popcorn, nell'epilogo e alcuni passaggi. se consideri i due film nelle singole parti up è di tutt'altra caratura.  

  7. Pingback: Lorax – Il guardiano della foresta (Chris Renaud, Kyle Balda 2012); incontro con Joshua Hollander | SlowFilm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.