Un Gelido Inverno – Winter’s Bone (Debra Granik 2010)

Un viaggio nel nulla occasionalmente localizzato nel Missouri, che ha nel freddo e la desolazione dei punti di contatto con Frozen River, ma con un’identificazione più forte dei personaggi e un’ancora più accentuata indeterminatezza dello spazio. Vincitore al Torino Film Festival dei premi per il miglior film e la migliore attrice e al Sundance del premio delle giuria, Winter’s Bone osserva le vicende della diciassettenne Ree.

Ree vive in una delle tante baracche di legno disperse fra boschi e paludi, assieme alla madre pazza e due fratelli più piccoli ai quali insegna ad usare il fucile e scuoiare scoiattoli. Quando rischiano di perdere la casa ipotecata dal padre cuoco d’anfetamine per pagarsi la cauzione, Ree parte alla ricerca del genitore, o dei suoi resti.

Ree, come le figure che incontra durante la sua ricerca, ha la scorza dura, necessaria ad usare violenza o a subirla, in un luogo privo di struttura e regolato dai rapporti di sangue e da codici criminali svuotati d’ogni fascino epico o rituale. In un realistico abbandono venato da blues decadente Debra Granik descrive la vita di persone letteralmente marginali attraverso uno sguardo freddo ma presente, senza ricorrere al patetismo o all’eccessivo distacco. 

winter's bone(3,5/5)

Annunci

3 thoughts on “Un Gelido Inverno – Winter’s Bone (Debra Granik 2010)

  1. Mi avevano caricato di aspettative, visto ieri sera e avrei voluto quasi troncarlo… se non fosse che mi era stato consigliato da una persona con gusti molto simili ai miei.
    Alla fine, è la solita americanata triste-drammatica. Non mi viene nient'altro da aggiungere.

  2. sì, fra le "americanate" ci sono anche quelle dall'aspetto desolato, le preferisco, e devo dire che tutto sommato questo film non m'è dispiaciuto, m'è parso avere una sua identità, molto fredda, molto secca.

  3. Pingback: Hunger Games (Gary Ross 2012), recensione in anteprima | SlowFilm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...