Mozzarella Stories (Edoardo De Angelis 2011)

mozzarella storiesIl  titolo, Mozzarella Stories, e i nomi dei suoi protagonisti, Ciccio Dop,  Zingaro Napoletano, Angelo Tatangelo, possono lasciar temere un film provinciale e macchiettistico. Il pregiudizio è sostanzialmente infondato e il primo lungometraggio di Edoardo De Angelis ha, al contrario, modelli internazionali e intenzioni estetiche e contenutistiche a volte anche troppo ambiziose. L’epopea di una potente famiglia casertana di allevatori di bufale e produttori di mozzarelle alle prese con la concorrenza cinese, la camorra locale e una serie di altre vicende affidate alle figure di supporto, spazia dalla frenesia vicina al coproduttore Kusturica alla violenza enfatica di Coppola e quella ipersatura di Tarantino, dalla costruzione di una saga che ricordi le proprie radici alla digressione in racconti bizzarri e quasi indipendenti dal nucleo centrale.  

Mozzarella Stories è riuscito proprio nelle sue parti più cariche, nelle rappresentazioni grottesche dov’è solitamente più difficile mantenere l’equilibrio, nella costruzione di un eccesso e uno sfarzo placcato oro da pugno nell’occhio. Tutto comincia con una festa dominata da un enorme idolo neopagano, una statua di bufala sospesa su una piscina dal cui ventre fuoriescono centinaia di mozzarelle, il prezioso “oro bianco”. Riuscita è la presentazione e costruzione di personaggi sopra le righe, che con naturalezza si scambiano frasi lapidarie e ricorrenze dialettiche che quasi commuovono. Tutti gli attori sono in parte ed evidentemente divertiti dal progetto, da Andrea Renzi a Giovanni Esposito a Luisa Ranieri, che sfrutta al meglio la propria fisicità.

Le dissonanze cominciano nell’esecuzione dei passaggi più drammatici, che nel confronto con i momenti spontaneamente eccessivi e in qualche modo anche più realistici, finiscono per mostrare una certa artificiosità. Durante i nodi che si vogliono sottolineare come particolarmente significativi e toccanti, la fotografia ricercata e la sequenza ad effetto si fanno evidenti, ma il film non riesce ad amalgamare compiutamente i diversi toni, anche perché l’aspetto più vicino alla “denuncia sociale” viene reso in maniera molto meno fluida e a volte appare involontariamente superficiale. Ci sono, poi, alcune idee da cortometraggio – come "l'uomo rimasto bloccato sotto il corpo della sua voluminosa amante" – a cui gli autori sembrano essersi affezionati troppo, che vengono inserite in maniera un po’ pretestuosa all’interno del susseguirsi delle vicende.

Mozzarella Stories è un film godibile e coraggioso, i suoi momenti migliori sono in alcuni dettagli e in altrettante esagerazioni, e il risultato finale è un’opera più frammentaria che corale, dal valore inferiore alla somma delle sue parti.

mozzarella stories(3,5/5)

Annunci

7 thoughts on “Mozzarella Stories (Edoardo De Angelis 2011)

  1. coi film italiani ho sempre difficoltà. Ancora non ho visto Boris, nè l'ultimo di moretti. Ma ho fede che ce la farò…

  2. mi chiedo quanto sia comprensibile, visto che il film è quasi tutto in dialetto, comunque non è affatto male.
    visto anche driver, piaciuto assai, appena riesco ci scrivo qualcosa.

  3. L'avevo pensato che sarebe stato interessante e innovativo per certi versi, ma pur sempre retorico e caricato per altri. Comunque da me non arriva, quindi sticazzi, come direbbe uno qualsiasi di Boris.

  4. sei fortunata ad essere circondata da persone tanto zelanti da preoccuparsi della tua selezione cinematografica :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.