Monsters al cinema e altre parole

Il film di Edwards, Monsters, è atterrato in dieci sale italiane. È un esordio che moltiplica ogni dollaro del poverissimo budget: belle immagini, molto non visto, atmosfera, esseri umani. Per una sorta di contrappasso hollywoodiano il regista è ora alle prese con Godzilla. Ma il grande schermo offre anche altro. Un Enter the Void di quel Gaspar Noé autore di quell’Irréversible che non mi è mai sfiorato l’idea di vedere; però qui si parla di Tokyo psichedelica, tostissima soggettiva, una roba bizzarra, non lo escludo. The Artist è invece un moderno film muto che sta facendo sognare tutti, riportandoli ai bei ricordi di un cinema che non hanno vissuto. Ma una cosa che non riesco a non reputare meravigliosa è il film concerto Ligabue – Campovolo 2.0 3D con quell’interminabile strascico di codice per giovani; a quel punto io mi sarei giocato il tutto per tutto e l’avrei chiamato lgblcn cmpvl 2.03d. Per dire, è in 359 sale.

Annunci

16 thoughts on “Monsters al cinema e altre parole

  1. ciao lukiz :) continuerò a stare lontano dal film di noé, allora. e comincerò a chiedermi perché al cinema passano i concerti di ligabue e non i film di jarmusch.

  2. irréversible lo ricordo come un inutile sfogo di violenza. Hai fatto bene ad evitarlo e continui a fare molto bene.
    Alla parola Ligabue mi sono venuti i brividi, al numero 359 ho avuto uno svenimento. Non riesco a commentare.

  3. un film pirotecnico sullo stupro non lo sopporto neanche nell’idea. è una violenza che non credo trasfigurabile.
    ma ti sei messa l’avatar del tizio rosso, che cosa romantica!

  4. Ma meraviglia!!!
    Gli izzard sono fuori in prestito, appena tornano mi sa che ripeto la visione pure io…

  5. Monsters non è in una delle sale per me raggiungibili… :(
    chissà che non riesca a venirlo a vedere a Bologna?

    altrimenti posso sempre ripiegare su Ligabue…

  6. Monsters un film inutile senza capo né coda, senza alcuna tensione narrativa e dialoghi da sbadiglio.

  7. lorenzo, è a modena, magari sulla strada troviamo pure una buona pizzeria :) . fammi sapere quando passi.

    anonimo, è un modo di vedere le cose, quello sbagliato.

  8. Enter The Void non lo eviterei proprio per niente. inoltre non capisco perché sia indegno ‘trasfigurare’ uno stupro, e incentrare la critica al film proprio sullo specchio per le allodole. Monsters è Skyline, solo che non avendo le schede grafiche per il rendering dei fasci di luce alieni ci hanno piazzato l’amore.

    attendo la top del 2011.

  9. ciao affasf. enter the void non l’ho evitato, ma non m’è piaciuto. non ho detto che sia indegno trasfigurare uno stupro, ho detto che non mi va di vedere un film che mette in scena una violenza che non credo trasfigurabile; fa parte del mio essere degno della facoltà di scelta. quella a irreversible non può essere una critica al film perché, come ho detto, non l’ho visto; semplicemente cito l’elemento della trama che conoscono tutti quelli che non l’hanno visto, perché di quello si parlò. e monsters e skyline credo abbiano davvero pochisssimo in comune, giusto il titolo in inglese.
    forse farò una top, ma solitamente si tratta solo di un riassunto dei “film del mese”; se ti va c’è l’archivio dell’anno in “Ottimi”.
    ciao, alla prossima.

  10. non capisco cosa tu voglia dire con ‘non credo trasfigurabile’. io, per risponderti, l’avevo interpretato come un giudizio morale al gesto reale, quindi indegno di essere ‘trasfigurato’ su pellicola in questo senso; e mi sembra di aver capito bene (magari ‘indegno’ è stata una scelta semanticamente peregrina).
    ora, tu mi hai risposto che non è ‘indegno’, semplicemente, non hai voglia di guardare un film che mette in scena un atto intrasfigurabile. lasciando perdere la questione del non volerlo vedere, cosa intendi per intrasfigurabile? intrasfigurabile per il peso morale nella vita vera, o in senso estetico\filmico? ad es, inutile trasporlo perché risulta una velleità poter raggiungere una qualsiasi pregnanza artistica.
    ovviamente le volizioni altrui sono insidacabili, poiché ognuno è libero di dirigere il proprio gusto dove gli pare, ma l’intrasfigurabile non riguarda la scelta di vederlo o meno, piuttosto il giudizio su cosa sia riproducibile e cosa no.
    questo straziante pamphlet di un isterico è lungi da essere una critica. seguo il blog da tanto e mi fa piacere scandagliare a fondo il parere di chi ammiro. grazie per le risposte e complimenti per il blog.

  11. monsters uno dei miei film preferiti di quest’ultimo anno. enter the void e’ pesante. ligabue e’ il trionfo dell’italia tristemente mediocre. viva questo blog!!!

  12. affasf, grazie per il blog, sono contento che riesca a interessarti e a suscitare conversazione. riguardo la questione trasfigurabilità e indegnità, credo ci siamo capiti perfettamente. in frasi come “un giudizio morale al gesto reale, quindi indegno di essere ‘trasfigurato’ su pellicola” e “l’intrasfigurabile non riguarda la scelta di vederlo o meno, piuttosto il giudizio su cosa sia riproducibile e cosa no” c’è esattamente quel che penso. quel che sottolineavo nella prima risposta è che il fatto che un autore faccia scelte che non apprezzo non lo rende automaticamente indegno, perché so che sostanzialmente sto formulando un giudizio verso il mio gusto e le mie idee, e non verso la qualità morale del regista. il cinema è necessariamente trasfigurazione, ma ci sono infiniti differenti modi di rappresentare, uno per ogni autore che crea un film e quello stesso film declinato in maniera diversa per ogni spettatore che lo vede. lo stupro è una violenza così odiosa che la sua rappresentazione è di enorme difficoltà, ma le abitudini di rappresentazione di noé mi sembrano troppo frivole, estetizzanti, autoriferite e metacinematografiche, per poter trattare di uno stupro senza farmi sembrare la cosa fastidiosa, narcisista e fuori luogo. potrei avere completamente torto, ma se il film ha qualcosa in comune con enter the void mi ritrovo nel mio ragionamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...