Oscar per il miglior film, lo stato delle cose

auroraIl prezioso sondaggio qui sotto, a qualche ora dalla premiazione, pennella la maggioranza assoluta dei votanti come un manipolo di utopisti, portati per natura a tifare per il più debole. C’è naturalmente anche il mio voto, in quel 57,69% per The Tree of Life.

Al secondo posto Hugo col 15,38%. Giusto omaggio a Scorsese, uomo a cui è impossibile non voler bene. Esistesse un peluche di Martin Scorsese… no, non lo comprerei, però sarebbe divertente.

11,54% per il terzo posto di The Artist. E questo, che mi sembra un po’ un falso film d’autore, parrebbe anche il favorito per la vittoria finale.

Raggranella qualcosa Midnight in Paris (7,69%), che sul momento non mi entusiasmò, ma che tutto sommato m’ha lasciato un’idea di spontaneità e tenerezza. Sarà che sto diventando sentimentale.

Un minimo colpo di reni (3,85%) lo danno anche Moneyball, per me una piacevole sorpresa, e The Help, un’opera non fastidiosa, ma sul cui ricordo fra qualche settimana costruiranno un parcheggio.

Rimangono al palo Molto Forte, Incredibilmente Vicino, che probabilmente in pochi hanno avuto la possibilità di vedere, Paradiso Amaro, film di un regista di cui sempre meno scorgo la necessità, e War Horse, portandomi a sospettare che la fascia dai 6 ai 13 anni poco frequenti questo sito.

Chi volesse seguire la cerimonia in streaming potrà farlo sul sito ufficiale. Agevolmente, dalle 2.30. Che è anche uno dei motivi per cui gli Oscar, qui, stanno un po’ sul cazzo.

Annunci

10 thoughts on “Oscar per il miglior film, lo stato delle cose

  1. Non ho votato, ma se lo avessi fatto avrei votato assolutamente per The Tree of life. Forse perché non ho visto né The Artist, né Midnight in Paris…
    Ma ho la netta sensazione che per quanto questi due mi possano piacere, perché propongono un passato patinato o la grana del presente, non riuscirebbero comunque a togliermi dalla testa l’idea che film come The Tree of Life, Melancholia o Antichrist, seppur in maniere diverse, incarnano pienamente l’essenza dell’immagine movimento…quell’ingranaggio perfetto che almeno Scorsese ha saputo raccontare con il cuore.

  2. ciao Marina :)
    in fondo speravo che l’ENORMITA’ di tree of life potesse essere evidente anche per l’Oscar, ma ha prevalso la “continuità”. per il resto, d’accordo su tutto. devo ancora recuperare il temibile antichrist…

  3. Complimenti per il blog ;)
    Sono d’accordissimo con te su The Artist (anzi forse un po’ più negativo), un film furbo nel peggior senso della parola, e quindi falso. Al massimo ne avrei premiato l’attrice, ma quello è un premio prenotato dalla Thatcher della recitazione.. hehe.. Non che gli Oscar siano mai stati premi particolarmente condivisibili, però…
    Antichrist è un grande film, molto falso, incredibilmente sincero.

  4. Quando scarseggiano le idee si ritorna al passato e The Artsit ne è la conferma. Mi fa piacere per Woody Allen, e mi spiace per altri film “minori” come Driver, Shame e l’incredibile mancanza di un film forte e coraggioso come We need to talk about Kevin.

  5. ciao udo, benvenuto, e grazie per il blog. e benvenuto anche nelle file dei ridimensionatori di the artist. riguardo antichrist, la tua frase si adatta bene anche a melancholia, che mi è piaciuto molto. di certo lo vedrò, un giorno.

    ciao dark. vero, però se kevin avesse vinto un oscar l’occidente sarebbe stato messo a ferro e fuoco dai tea party.

  6. Dujardin sì è confermato un gran buffone.
    Tree Of Life agli Oscar c’entra come il cavolo a merenda, e ha ricevuto abbastanza premi.
    The Artist premiatissimo perchè ha conquistato il cuore degli americani, semplicemente, un po’ come “La Vita è Bella” qualche anno fa.
    Ho visto War Horse, ed è veramente un bel film.

  7. anonimo, vero che il film di malick rientra in quelle opere tradizionalmente troppo “sofisticate” per vincere un oscar, ma dal momento in cui gli dai delle nomination il confronto, per gli altri, è impietoso. concordo col parallelismo fra the artist e la vita è bella, infatti anche dal film di benigni è nata una fascinazione che non condivido.

    emmeggì, siamo quasi pronti a fare cartello :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.